Ricominciare a 50 anni: come Sir Rocco Forte ha costruito un impero di hotel super lusso

La storia della famiglia “Rocco Forte” e i loro 13 hotel super lusso.

0
1599
La Notizia

Per parlare e comprendere il successo della catena “Rocco Forte Hotel” non si può prescindere dalla storia della famiglia Forte, caposaldo del successo della compagnia.

“Sono molto consapevole delle mie radici”, sottolinea Rocco Forte. “Mio padre ha iniziato la sua carriera imprenditoriale con suo padre, che gli ha dato una mano in modo che potesse iniziare da solo. Anch’io ho lavorato per molti anni con mio padre, che mi ha aiutato ad aprire gli hotel “Rocco Forte” dopo aver venduto “Trusthouse Forte”.

Bisogna quindi partire dal padre di Rocco: Sir Charles Forte. Charles Forte nato il 26 Novembre del 1908 in Italia, in provincia di Frosinone, all’età di quattro anni emigra con la madre in Scozia dove il padre gestiva un caffè. Dopo aver completato gli studi e trascorso due anni a Roma, Charles prende in gestione, da un suo cugino, la “Sala Veneziana” a Brighton e solo cinque anni dopo apre la sua prima compagnia di milk bar nel West End di Londra. All’inizio della Seconda Guerra Mondiale i locali erano già cinque. Negli anni ‘50 entra nel settore alberghiero, acquisisce il gruppo “Trusthouse” e crea il “Trusthouse Forte”. Con i suoi 250 hotel in Gran Bretagna e Irlanda, il Café Royal, gli Henekey Inns, i Quality Inns, i Kardomah Coffee Houses, la catena di motel Travelodge presente negli Stati Uniti, in Canada, in Messico e a Tahiti, “Trusthouse Forte” è, allora, la più grande catena alberghiera in Gran Bretagna. Si occupa anche di importanti attività di catering, presso le Nazioni Unite e in numerosi aeroporti europei. Per le sue numerose attività e per il suo impegno nel lavoro Forte Senior, nel 1970, viene nominato cavaliere.

Rocco, che fin da bambino respira aria di ospitalità e hotellerie, cresce con l’azienda, affianca il padre nelle sue attività e a trentott’anni, nel 1982, diventa Ceo di “Trusthouse Forte”. Solo dieci anni dopo, Forte Senior decide di cedergli la presidenza.

La carriera come presidente di Rocco Forte, però non inizia in discesa. Negli anni ‘90 infatti è costretto, a fare quello che suo padre pochi anni prima era riuscito ad evitare con un colpo di genio, e deve vendere la compagnia. Per un compenso di 3,8 milioni di £ cede “Trusthouse Forte” alla società “Granada Television”. “Il momento più doloroso della mia carriera è stato quando ho dovuto affrontare la perdita della mia compagnia. “Non è stato facile tornare a piedi all’età di 50 anni. Ho provato a riniziare con i soldi che ho ricevuto dalla cessione. Sfortunatamente, non è andata come mi aspettavo, ma con molta perseveranza, passione e un nuovo concetto, sono finalmente riuscito a ricostruire strategicamente il marchio”.

Per una personalità forte, determinata e laboriosa come quella di Rocco a cinquant’anni non era certo il momento di andare in pensione così nel 1996 fonda “Rocco Forte Hotels”, perchè “un lavoro nel settore alberghiero è un lavoro per la vita”, afferma.  Sin dall’inizio la filosofia dei Forte è stata quella di non concentrarsi su un’identità aziendale, ma focalizzarsi ed esaltare concetti e progetti individuali, fatti su misura. Dare importanza ai propri dipendenti che sono coloro che animano gli hotel e rispecchiano il DNA Rocco Forte, offrendo un servizio esclusivo che mette l’ospite, come individuo, al centro dell’attenzione.

Oggi il gruppo è guidato dal duo geniale di Rocco, imprenditore nello spirito e da sua sorella, Olga Polizzi, responsabile del design, che è colei che crea quell’atmosfera unica che caratterizza ogni hotel “Rocco Forte”. “Per lei gli hotel sono come la sua casa. Sa trasferirsi idealmente negli ambienti nelle atmosfere geografiche delle diverse location. Compra arte e oggetti d’antiquariato locali per portare quel senso del luogo negli hotel. Diciamo sempre che la fase finale, prima di aprire una nuova sede, è la più pericolosa perché brulica di mercati di antiquariato e arte, ma fa davvero la differenza per il prodotto finale “, dice Rocco di sua sorella.

Anche i figli di Rocco lavorano per la catena. Lydia di trentadue anni è direttore F&B, Irene di trent’anni è direttore del benessere e Charles ventisettenne è coinvolto nello sviluppo. Tutti e tre prima di arrivare alla loro posizione attuale hanno fatto esperienze nei vari dipartimenti. “Sono piuttosto severo con loro”, afferma il boss Forte.

“Siamo una famiglia, non siamo azionisti” è la filosofia condivisa da tutti i Forte. “Questo rende il nostro servizio molto diverso da quello di altri hotel. Riusciamo a essere onesti, premurosi e rilassati, il che non è facile da raggiungere in un mondo dominato da catene intercambiabili di mega-hotel che forniscono principalmente standard insoddisfacenti”, dice sempre Forte.

Attualmente la Catena Rocco Forte conta 13 hotel a 5 stelle che si possono definire tranquillamente di ultralusso: The Balmoral a Edimburgo, Brown’s Hotel a Londra, Hotel Amigo a Bruxelles, Hotel de Rome a Berlino, Villa Kennedy a Francoforte, The Charles Hotel a Monaco di Baviera, Hotel Astoria a San Pietroburgo. Ben sette indirizzi in Italia: Hotel Savoy a Firenze, Hotel de Russie a Roma, Hotel de La ville a Roma, Rocco Forte House a Roma, Verdura Resort in Sicilia, Masseria Torre Maizza in Puglia.

Ognuno di questi indirizzi trasuda la filosofia Forte: “un servizio aperto e intuitivo; design arioso ed elegante che parla della sua posizione; offerte eccezionali in cibo, bevande, spa ed esperienze; e uno stile anglo-italiano basato su raffinatezza e calore”.

Rocco Forte è determinato e tenace non solo nel lavoro, ma la sua determinazione lo accompagna anche in tutti gli altri ambiti della vita, specie nello sport. Dal 2001 al 2007 ha rappresentato la Gran Bretagna, quattro volte, ai campionati mondiali di triathlon nella sua fascia d’età, e nel 2005 ha iniziato all’Ironman di Klagenfurt.  “Mi alleno per tenermi in forma per i progetti futuri”, dice. Progetti futuri che non tardano ad arrivare: il 1 giugno 2020 è prevista l’apertura di “Villa Igiea” a Palermo e sempre nel 2020 anche quella dell’Hotel Westbund a Shanghai. Sicuramente questi prossimi due indirizzi sono solo la punta dell’iceberg dei progetti che la famiglia Rocco Forte ha in serbo per i suoi ospiti.