Ristorante Bistrot 900 – Chef Enzo Di Pasquale

In una elegante villa Liberty un ristorante moderno con una cucina giovane e dinamica

ristoranti e pizzerie

Giorno di chiusura: Domenica, gli altri giorni aperto solo a cena

Ferie: Novembre

Coperti: 30 interni - 30 esterni

Tipologia Cucina: Creativa, contemporanea, regionale italiana

Servizi

Accessibile ai disabili

Animali domestici di piccola taglia accettati

Aria condizionata

Giardino

Menù o piatti vegetariani

Pagamenti con American Express accettati

Pagamenti con Bancomat accettati

Pagamenti con Cartasì accettati

Pagamenti con Diners Club accettati

Pagamenti con Mastercard accettati

Pagamenti con Visa accettati

Parcheggio riservato alla clientela

Sala conferenze

Tavoli all' aperto

Wi - fi

Prezzo medio per antipasto+primo+secondo+dolce: € 33,00

Prezzi aggiornati al: 16/12/2015

Piatti rappresentativi del ristorante

Gambero rosso, ventricina, robiola di Roccaverano, H2o di mesilla e olio

Insalata pressata, pelle di pollo croccante, capesante, salsa al cocco e anacardi

Monococco, crema di porri, tuorlo d’uovo siringato e salsa al curry

Capelli d’angelo Verrigni, salsa al porto bianco, acciuga del Cantabrico e bottarga di Sgombro

Seppia al nero, cime di rapa e rafano

Punteggi:

Michelin 2016: Non Segnala

Espresso 2016: Non Segnala

Gambero Rosso 2016: 1 forchetta – 79 (48 cucina, 15 servizio, 14 cantina, 2 bonus)

Indirizzo: Via Galileo Galilei 226 - 64021 Giulianova (TE)

Prenota un tavolo: +39 085 8007494

Email: [email protected]

Sito web: http://www.ristorantebistrot900giulianova.it

Seguici sui social:  Facebook  Facebook

A seguire contenuti redazionali e fotografici con finalità promozionali

intro1

Il Ristorante Bistrot 900 si trova a Giulianova all’interno dell’hotel 900, una elegante villa in stile Liberty del 1926, completamente ristrutturata dopo 5 anni di lavori, grazie alla passione e spirito imprenditoriale della famiglia Mangione-Valerii. La struttura è ben posizionata, poco distante dal Lungomare e dal centro città.

Food Enzo di Pasquale

La sala, raffinata, presenta elementi e dettagli moderni che donano un aspetto contemporaneo e non banale. L’ambiente è caldo ed accogliente, con una mise en place ricercata. La cantina, vista la recente apertura del locale, è in divenire, ma presenta comunque svariate etichette del territorio, nazionali ed alcune internazionali.

intro3

Durante la bella stagione è possibile usufruire degli ambienti esterni e del giardino, sempre in un ambiente curato e ricercato, per delle esclusive serate all’aperto.

intro4

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Lo chef

Food Enzo di Pasquale

Enzo Di Pasquale, classe 1985, cresce in una famiglia con la passione per la buona tavola e si interessa alla cucina sin da piccolo. Tanto che terminate le scuole medie, senza il consenso del padre e della madre, decide di iscriversi alla scuola alberghiera di San Benedetto del Tronto, falsificando addirittura la firma dei genitori. Durante la scuola segue alcuni stages al di fuori dei confini regionali e si diploma come cuoco dopo 5 anni. Terminati gli studi inizia il suo percorso lavorativo nelle cucine di alcuni hotel 5 stelle lusso, come il Baglioni Hotel Luna Venezia e il Villa Cortine Palace Hotel Sirmione. Poi arriva il primo stellato della sua vita, il Symposium di Lucio Pompili, un’esperienza significativa per il suo futuro lavorativo. A Seguire, ancora un grandissimo maestro, Ezio Santin nello storico ristorante tre stelle Michelin Antica Osteria del Ponte a Cassinetta di Lugagnano. Prosegue verso la Grecia sempre con Santin per l’apertura di un nuovo ristorante. Successivamente rientra in Italia da Fabio Barbaglini a La Cassolette in Valle d’Aosta, che proprio in quell’anno riceve la stella Michelin. Continua con alcune esperienze all’estero, tra cui gli Stati Uniti, prima di rientrare e stabilirsi al Ristorante Bistrot 900 di Giulianova.

 

Filosofia di cucina

Food Enzo di Pasquale

La base della sua filosofia è che tutti gli elementi, trasformati e assemblati insieme, devono trovare armonia ed equilibrio, sia dal punto di vista gustativo che da quello estetico, sempre rispettando il valore proprio e caratteristico di ognuno di essi. La concentrazione massima è posta sull’attenzione delle stagionalità delle verdure, della frutta e anche del pesce, tanto che la lista dei piatti viene modificata e aggiornata ogni 40-50 giorni circa.

 

La proprieta’

La proprietà dell’Hotel Ristorante 900 è di Fabio Mangione e Marina Valerii.

Lo staff di cucina

Food Enzo di Pasquale

In cucina insieme a Enzo di Pasquale ci sono Dennis D’Amario, classe 1993, e Simona Ricardi, classe 1989.

 

Lo staff della sala

sala

Lo staff della sala è composto da Franco Di Pietro, Pierluigi Braca e Marilena Miola.

Monococco con crema di porri e uovo siringato al curry

Food Enzo di Pasquale

Ingredienti per 4 persone

250 g di monococco

4 tuorli

1 kg di porri

500 g di brodo di pollo

20 g di lemongrass

20 g di zenzero

2 foglie di alloro

100 g di cipolla rossa di Tropea

400 g di latte di cocco

15 g di curry marocchino+

 

Procedimento

Mettere a mollo il monococco in acqua fredda per 1 ora. Mondare i porri, tagliarli e metterli a cuocere con olio, sale e acqua. Una volta cotti, frullare, passare al colino cinese e lasciare da parte.

Per la salsa al curry, far soffriggere con un filo d’olio la cipolla, lo zenzero, il lemongrass e aggiungere il brodo di pollo. Ridurre della metà e quindi versare il latte di cocco, lasciar cuocere il tutto fino ad ottenere una salsa. Aggiungere il curry negli ultimi 5 minuti di bollore e filtrare.

Con una siringa estrarre i contenuti dei 4 tuorli, condirli con la salsa al curry e reinserirli all’interno sempre con una siringa.

Cuocere il monococco per circa 20 minuti, partendo dall’acqua fredda con un pizzico di sale e una foglia di alloro, poi scolarlo e mantecare con la crema di porri.

Comporre il piatto servendo il monococco come un risotto e disponendo al centro il tuorlo d’uovo.

 

Lombo d’agnello con senape, mostarda, spinacini e passion fruit

Food Enzo di Pasquale

Ingredienti per 4 persone

1 carrè d’agnello di circa 500 g con 8 coste

2 cucchiai di senape

25 g di mostarda

100 g si datteri secchi

50 g di spinacini

Succo di 5 passion fruit

Anacardi tostati

2 bacche di pepe di Java

Ramoscelli di rosmarino

Foglie di alloro

 

Procedimento

Preparare il carré d’agnello curando bene la rimozione del tessuto connettivo. Lasciarlo intero e sistemarlo in un sacchetto da cottura con le 2 bacche di pepe di Java, i ramoscelli di rosmarino e l’alloro, cucinare a 56C° per 2 ore.

Mettere i 2 cucchiai di senape in una busta sottovuoto da cottura con i datteri e un goccio d’acqua, lasciare ammorbidire il tutto cuocendo per 30 minuti a 95C°, quindi togliere dal sacchetto, frullare e lasciare da parte.

Tagliare i passion fruit, mettere il succo in una ciotolina ed emulsionare con un filo d’olio.

Una volta cotto l’agnello, dividere il carrè in 4 porzioni, includendo o escludendo la costina in base alla preferenza.

Cospargere il lombo con la crema di senape e la mostarda, poi mettere in forno a 180C° per 4 minuti.

Servire con una granella di anacardi tostati e aggiungere sopra le foglioline di spinacini conditi con il succo del frutto della passione.

Prezzi aggiornati al 16/12/2015. Nel corso del tempo i prezzi e le pietanze del menù potrebbero subire variazioni.

 

La mia retta via…

Ricotta al profumo di ginepro, rucola selvatica e mandorle, cioccolato al wasabi

Sgombro, carciofi, crema di sedano rapa, finocchi e topinambur

Baccalà Islanda, cavolfiore e camomilla

Lombo di agnello, datteri e mostarda, spinacini, passion fruit e anacardi

Dolce a scelta

€ 38

Accompagnamento vini suggeriti dal nostro sommelier

€ 18

 

I nostri piatti

Ricotta al profumo di ginepro, rucola selvatica e mandorle, cioccolato al wasabi

San Pietro, crema di broccoli, fagioli borlotti, cedro di Amalfi

Sgombro, carciofi, crema di sedano rapa, finocchi e topinambur

Gnocchi di patate e pistacchi, latte di robiola di Roccaverano, radicchio di Castelfranco e calamari

Cozze, patate e provola, pepe Malese e polvere di karkade

Tacchinella e salsa ai gamberi rossi, arancia candita e lippia

Stinco di maiale, verze stanche, saba e aceto di riso

Lombo di agnello, datteri e mostarda, spinacini, passion fruit e anacardi

Monococco, crema di porri, tuorlo d’uovo siringato alla salsa curry

Funghi tamburelli al cardamomo e cavolo riccio, castagne, noci e gorgonzola

Baccalà islanda, cavolfiore e camomilla

Controfiletto di cervo, foglie d’ostrica, birra (Deep Underground) e capesante

Torcione di foie gras e cachi

4 portate a scelta

€ 33

5 portate a scelta

€ 40

7 portate a scelta

€ 54

 

I dolci

DolceMondo

Tendenza dolce dei frutti invernali

Il caffè… accompagnato in verticale

2 Strati alla ricotta di bufala e mandorle, canditi, more&ciligie&lamponi

Caramello al rafano, morbido di caprino, mandarino Kumquat e cialda al wasabi

Crostatina di mele

€ 7

Prezzi aggiornati al 16/12/2015. Nel corso del tempo i prezzi e gli assortimenti della carta potrebbero subire variazioni.

Il Vino è vita, storia di secoli e tradizioni, non ci sono buoni o cattivi… piacciono o non piacciono…

Nella scelta delle bottiglie per la cantina ci sono diversi fattori da considerare: in base al menu proposto (carne, pesce, degustazione), in base alla tendenza di mercato, capacità di magazzino, abilità del sommelier nella valutazione rapporto qualità/prezzo.

 

Alcuni dei vini bianchi fermi italiani presenti in carta

Valentini – Trebbiano – Cantina Valentini

€ 80

Emidio Pepe – Trebbiano DOC – Emidio Pepe

€ 32

Jaokot 2009 – Tocai Friulano – Terpin

€ 34

Bianchi Grilli – Peorino – Torre dei Beati

€ 28

Marina Cvetic Chardonnay – Chardonnay – Masciarelli

€ 35

 

Alcuni dei vini rossi fermi italiani presenti in carta

Marina Cvetic Iskra – Montepulciano IGT – Masciarelli

€ 38

Valentini – Montepulciano – Valentini

€ 180

Sassicaia’11 – Cabernet sauvignon, Cabernet Franc DOC – Tenuta San Guido

€ 180

Amarone – Corvina Veronese – Corvinone – Rondinella DOCG – Tommasi

€ 50

Barbaresco Vanotu –  Nebbiolo DOCG – Pellisero

€ 78

 

Alcuni dei vini spumanti italiani presenti in carta

Brut Blanc de Blancs – Chardonnay, Pinot Bianco – DOCG – Zamuner

€ 55

Franciacorta Millesimato dosaggio zero 2009 – Chardonnay – Le Quattro Terre

€ 60

Franciacorta Saten – Chardonnay DOCG – Monzo Compagnoni

€ 64

Franciacorta Rosè millesimato 2008 – Chardonnay, Pinot Nero DOCG – Cavalleri

€ 70

Annamaria Clementi – Chardonnay – DOCG – Cà del Bosco

€ 140

 

Alcuni dei vini spumanti francesi presenti in carta

Don Perignon – Chardonnay, Pinot Noir – AOC

€ 180

Ruinart – Pinot Noir, Chardonnay – AOC

€ 90

Tattinger – Chardonnay – Pinot Noir, Pinot Meunier – AOC

€ 90

Bollinger – Chardonnay, Pinot Noir, Pinot Meunier – AOC

€ 95

 

Alcuni dei vini bianchi fermi internazionali presenti in carta

Pouilly Fuissè 2012 – Chardonnay – AOC – Antonin Rodet

€ 50

Sancerre Blanc la Chatellenie 2014 – Sauvignon – AOC – Joseph Mellot

€ 50

Riesling Gran Crù – Reiesling Renona – Martin Schaetzel

€ 48

 

Alcuni dei vini rossi fermi internazionali presenti in carta

Margaux Grande Reserve 2012 – Cabernet Sauvignon, Merlot – AOC – Kress Mann

€ 55

Hautes Cotes de Nuits Rouge 2012 – Pinot noir – AOC – Michel Gros

€ 60

Prezzi dei menu’

Prezzi aggiornati al 16/12/2015. Nel corso del tempo prezzi, menù ed assortimenti potrebbero subire variazioni.

Menu degustazione la mia retta via

€ 38,00 per persona vini esclusi

Menu degustazione 4

€ 33,00 per persona vini esclusi

Menu degustazione 5

€ 40,00 per persona vini esclusi

Menu degustazione 7

€ 54,00 per persona vini esclusi

In abbinamento alle degustazioni

4 vini al calice € 18,00 per persona

5 vini al calice € 22,00 per persona

7 vini al calice € 25,00 per persona

 

Alcuni fornitori

Pesce

Brimar

Ortofrutta

Palestini

Carni

La Granda

Vari – trasformazioni

Selecta

ambiente1

La Fortezza di Civitella del Tronto, situata a 600 m. s.l.m. in posizione strategica rispetto al vecchio confine settentrionale del Viceregno di Napoli con lo Stato Pontificio, è una delle più grandi e importanti opere di ingegneria militare d’Europa caratterizzata da una forma ellittica con un’estensione di 25.000 mq ed una lunghezza di oltre 500 m.

Visitate la pagina:

La Fortezza di Civitella del Tronto

 

ambiente2

Il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è localizzato nel cuore dell’Appennino, a cavallo della catena montuosa del Gran Sasso e quella dei Monti della Laga. Si estende sul territorio di tre regioni: l’Abruzzo, il Lazio e le Marche, comprendendo nel suo perimetro territori di cinque province: L’Aquila, Teramo, Pescara, Rieti ed Ascoli Piceno.

Visitate la pagina:

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Il Gambero Rosso dice:

Il talento c’è o non c’è, si sente subito, e il giovane enzo di pasquale già lo dimostra tuttora che, dopo varie esperienze in giro, è tornato nella sua giulianova all’interno di un locale curano ma non lezioso, come l’albergo liberty che lo ospita. i piatti marcano una precisa identità, quella di uno chef che sa fondere (senza confondere) le molte materie prime di volta in volta utilizzate. il benvenuto è notevole, un paté di fegato d’oca con sopra delle verdure liofilizzate. poi un menu diviso per progressione di sapori, non per antipasti, primi e secondi: per noi gamberi rossi con ventricina, robiola e melissa, dei fantastici spaghettini dove l’acidità della salsa al porto bianco era bilanciata dalla bottarga, una sfiziosissima insalata con salsa al cocco, pelle di pollo croccante e cappesante. e poi, gli eccellenti bottoni di pasta con cipolla e zola in un brodo tiepido di cicale di mare, funghi secchi e alga nori, e il filetto di maiale con pistacchi, liquirizia e cipolle al latte. il dolcemondo è un buonissimo mappamondo di meringa con i frutti di bosco al posto degli stati. il servizio si muove con eleganza e discrezione, senza peraltro dimenticare il calore umano tipico di queste zone, mentre la carta dei vini consta di alcune belle etichette che non esagerano coi ricarichi. per finire due bonus: uno per il coraggio di mettere su un posto di tale livello all’interno di una città da turismo per famiglie, e di pubblico poco propenso all’alta cucina, l’altro per una serie di degustazione dai 33 (4 piatti a scelta dalla carta) ai 62 euro.

Fonte: guida ristoranti d’Italia del gambero rosso 2016

Fotogallery

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *