Golosaria: la XII edizione dall’11 al 13 novembre

Torna Golosaria, la rassegna di cultura e gusto che dall' 11 al 13 novembre, neg...
Download PDF Scarica in formato PDF
Mappa non disponibile

Data e ora
Dal 11/11/2017 al 13/11/2017
Orario: Tutto il giorno

Categorie


Oltre il buono: tema dell’edizione 2017

‪È la sfida di Golosaria 2017: rappresentare il concetto di Oltre il Buono, ossia passare dal riconoscimento di una qualità diffusa all’attenzione per un prodotto che faccia bene. I mille e più prodotti esposti a Golosaria, molti dei quali al debutto, diventano quindi segno di una continua innovazione in agricoltura e nell’artigianato alimentare. ‪Questi valori si ritrovano anche in altrettanti temi trattati: la professionalità dell’oste italiano (come caratteristica peculiare della ristorazione italiana raccontata nel GattiMassobrio); l’economia circolare del cibo, quindi una produzione enogastronomica attenta ai temi del riuso e della sostenibilità energetica; la dimensione della comunità del cibo, da cui scaturisce la condivisione e la prossimità (dal trend del cibo di strada, al bbq fino al negozio di quartiere); la dimensione storica e culturale: il racconto del cibo fatto attraverso i libri e il web del network IlGolosario. Se ne parlerà nel convegno in apertura, sabato alle ore 16, tra gli altri con Elisabetta Soglio, responsabile dell’inserto del Corriere della Sera Buone Notizie, Fabio Cerri de L’Albero del Pane di Visso che ha superato il terremoto con un nuovo laboratorio e alcune case history di giovanissimi che hanno meno di 30 anni, nel campo del riso, del rabarbaro, dei formaggi, del vino, fino all’esempio virtuoso di educazione della Piazza dei Mestieri o al progetto Te.Me. Diet, che segue il rapporto fra dieta mediterranea a malattie renali.

22761623992_7932ca54a8_o-3

La qualità diffusa della produzione gastronomica italiana

‪A Golosaria sono 200 i produttori che rappresentano questa qualità diffusa, dai formaggi ai salumi a una straordinaria partecipazione dei dolci che rappresentano una speciale area di interesse della rassegna (con 50 tra pasticcerie e cioccolaterie selezionate). I prodotti del Golosario saranno di scena anche nell’area lab con un fitto calendario di appuntamenti che vedranno sfilare anche le produzioni artigianali dei Maestri del Gusto di Torino e gli specialisti del caffè Diemme che porteranno un affondo sul mondo delle estrazioni.

La qualità diffusa del vino

Oltre 100 espositori tra le migliori cantine italiane del Golosario, la presenza di due grandi Consorzi, quello della Barbera d’Asti e dei vini del Monferrato, Consorzio per la Tutela dell’Asti e quello dell’Oltrepò Pavese, il sistema di tenute (Fattoria del Cerro, La Poderina, Monterufoli, Colpetrone, Tenuta di Montecorona) del gruppo Unipol, che è anche sponsor ufficiale di Golosaria, un focus sui vini sardi con il progetto Envision Gallura, la cordata piemontese del Consorzio Eccellenze Langhe Monferrato Roero e un calendario di appuntamenti con i grandi del vino selezionati tra i Top Hundred. Ma domenica saliranno sul palco anche i Top Hundred 2017, ovvero i 100 migliori vini d’Italia selezionati ogni anno da Gatti e Massobrio senza mai premiare le cantine degli anni passati (dal 2002 ad oggi).

Oltre il buono, il recupero delle eccedenze

Il recupero degli avanzi passa poi attraverso l’offerta della Doggy Bag che entra tra gli skills dei locali selezionati dal GattiMassobrio (indicato da un apposito pittogramma). E la sorpresa è vedere come la qualità si accompagni all’etica: sono 1623 (oltre la metà) quelli che danno la possibilità ai clienti di portarsi a casa le eccedenze. Regione più virtuosa d’Italia la Lombardia con 433 ristoranti su 675 titolari che offrono questo servizio. A Golosaria se ne discuterà con Comieco e il progetto Doggy Bag Se avanzo mangiatemi.

30883417722_cd9553d781_o

Oltre il buono, l’agricoltura delle buone idee

A volte è il recupero di una tradizione che si credeva ormai persa; altre volte invece è la nascita di una nuova tendenza. Denominatore comune, nella maggioranza dei casi, dei giovani imprenditore con delle buone idee. Tra le curiosità in mostra: l’aglio nero e il rabarbaro italiani, la manna madonita (oggi sviluppatasi in un consorzio dopo l’impulso dato dal panettone). Ci sarà spazio anche per parlare di distribuzione, con il sistema delle Ciberie che proprio lo scorso anno ha debuttato a Golosaria.

Oltre il buono, l’innovazione tra la casa e il ristorante

La domotica e il cibo “stampato”. A Golosaria ci sarà modo di vedere come sarà il prossimo futuro con un progetto universitario sulle stampanti per il cibo in 3D, con le soluzioni di domotica di Evolvere e con le attrezzature Frigo2000, SubZero, Wolf, Bora, V Zug, per una cucina domestica che diventa pari a quelle professionali.

25364349479_a9b004beca_o-2

Oltre il buono, la grande cucina secondo noi e il nuovo valore della cucina di strada

‪La grande cucina degli osti italiani, fatta di innovazione e sperimentazione ma senza cedere al virtuosismo sarà al centro del fitto programma di showcooking (50 tra showcooking, appuntamenti BBQ e Atelier dell’arte bianca, lab) con gli chef della guida GattiMassobrio e l’area dedicata al BBQ. Ci sarà come di consueto attenzione anche al benessere e alla salute, temi cari a Lauretana storico partner della rassegna che su questo palco porterà anche il suo impegno con la Fondazione Veronesi. L’area ristoro di Golosaria vedrà invece protagonista la Cucina di Strada che cresce come referenze rispetto allo scorso anno: saranno 15 a riproporre uno spaccato della tradizione on the road italiana che comprende pane ca meusa, arrosticini di pecora, farinata, panzerotti (al goji).

Oltre il buono, la pizza è cultura (e rivoluzione qualitativa)

‪A Golosaria (NOVITA’ 2017) debutta l’area Atelier dell’arte bianca dove gli esperti di Petra racconteranno in 10 appuntamenti la rivoluzione che si è innescata nell’ambito della panificazione e soprattutto della pizza negli ultimi anni. Golosaria sarà anche il palco dove celebrare, con un raduno dei pizzaioli che hanno abbracciato questa filosofia, l’anniversario del Manifesto della pizza italiana contemporanea siglato nel 2012 a Vighizzolo d’Este.

22775174835_4a422e0e8e_o-5

Oltre il buono, l’importanza della comunicazione: i libri del Golosario

Al centro della manifestazione ci sarà sempre di più l’editoria gastronomica con la nuova collana I libri del Golosario firmata in coedizione Cairo–Comunica. Sabato alle ore 17.30 la presentazione de Il Libro del riso Italiano, alle ore 18.30 L’Apericena non esiste! con Federico Francesco Ferrero e alle 19.30 Subito Barbecue alla presenza dell’autore Marco Agostini. Domenica sarà la volta de ilGolosario con il riconoscimento legato anche alla rivista Bell’Italia, mentre lunedì saliranno sul palco i protagonisti del GattiMassobrio 2018. Ma comunicazione è anche quella della rassegna che quest’anno vede tre importanti media partner: Radio Italia, Mentelocale e Trenord.

Oltre il buono, la socialità e i cocktail

La miscelazione vista dall’Italia e con i prodotti italiani. A Golosaria si parlerà maggiormente di liquori, distillati e miscelazione con un calendario dedicato condiviso con alcuni grandi firme degli spirits nostrani come le Distillerie Berta o il Toccasana di Teodoro Negro o ancora i vermouth Gamondi e della Canellese, ma anche gli amari di Lombardi e Visconti di Abbadia San Salvatore i liquori veneti di Donna Frida, Amaro San Giuseppe.

Golosaria mette al centro la filiera a partire dalla Lombardia

A Golosaria spazio per esempi virtuosi di filiera, dall’olio EVO con l’Associazione Città dell’Olio fino alle Dop dei piccoli formaggi piemontesi e a un’eccellenza della produzione gastronomica nazionale come il Grana Padano, storico partner di Golosaria, che anche quest’anno sarà protagonista di diversi appuntamenti, in abbinamento con i grandi vini e le grandi birre della rassegna. Ma soprattutto sarà una Golosaria attenta al mondo dei cereali e al riso come esempio di una filiera capace di coinvolgere più realtà, come quest’anno ha voluto sottolineare nella sua area Regione Lombardia, presente con l’Assessorato Regionale all’Agricoltura. E sempre Regione Lombardia, con Explora, ha scelto Golosaria come tappa dove vidimare il passaporto #inLombardia, che i possessori potranno far timbrare a memoria di un grande viaggio nel gusto.

Reporter Gourmet – La Redazione

 

Per tutte le info

Il sito web

Salva

Salva

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0