Categorie Ricette degli chefTag , , ,

Emanuele Petrosino | Gamberi Rossi, Carciofi e Bufala

Ricetta di Emanuele Petrosino: Gamberi Rossi, Carciofi e Bufala

Emanuele Petrosino | Gamberi Rossi, Carciofi e Bufala

Pietanza suddivisa in tre diversi piatti

Ingredienti per 1 persona

1° Piatto

1 carciofo mammola

1 gambero rosso

sedano

pomodori confit

prezzemolo croccante

salsa di bufala affumicata

Procedimento

Cuocere il carciofo sottovuoto dopo averlo pulito e scavato all’interno, poi finirlo arrosto su fry top. Rempire il carciofo con il gambero cotto in court bouillon per 30 secondi, concassé di sedano croccante, pomodori confit e foglie di prezzemolo.

Composizione del piatto

Impiattare mettendo la salsa di bufala affumicata sulla base del piatto, adagiarci sopra il carciofo e decorare con foglia di argento.

 

2° Piatto

1 gambero rosso

2 carciofi

ricotta di bufala

melissa

1 limone

Procedimento

Cuocere i carciofi con aglio e prezzemolo e centrifugarli. Fare delle palline con metà gambero a crudo, poi sbollentare l’altra parte del gambero e condirlo con sale, olio evo e bucce di limone.

Stemperare la ricotta e metterla in un blister, tagliare il carciofo crudo a julienne e condirlo con sale, olio evo e melissa.

Composizione del piatto

Mettere le palline di gambero nella parte scavata del piatto e versarci il centrifugato di carciofi e poco olio. Sul bordo del piatto adagiare i gamberi a tocchetti, la ricotta, i carciofi crudi e la melissa.

 

3° Piatto

1 gambero battuto

latte di bufala

crema di carciofi arrostiti

polvere di carciofi arrostiti

melissa

Procedimento

Dare la forma al gambero con una silhouette, poi kappare il latte di bufala con la crema ai carciofi.

Composizione del piatto

Impiattare e guarnire con la polvere di carciofi e la melissa.

 

6 Chef Emanuele Petrosino 2

Reporter Gourmet – La Redazione

newsletter

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *