Categorie Chefs: Ultime notizieTag , , , , ,

Anche André Chiang, punta di diamante della cucina asiatica, dice no a Michelin

Lo chef taiwanese ha deciso di chiudere il suo ristorante Andre a Singapore, secondo classificato ai 50 Best Asia, e ha chiesto a Michelin che il suo secondo indirizzo, Raw a Taipei, sia escluso da ogni nuova edizione.

Sapori e dintorni - Conad

Le stelle Michelin?

Una disgrazia, non certo una benedizione. La pensa così la cuoca belga Karen Keygnaert, che dopo 5 anni ha deciso al pari di Sébastien Bras di restituire gli anelati macaron. Un contagio che l’11 ottobre si è esteso anche allo chef Andre Chiang, nato a Taiwan 41 anni, fra le punte di diamante della cucina asiatica. Il suo ristorante bistellato Andre, situato a Singapore, capitale orientale del fine dining, negli ultimi anni ha mietuto successi, classificandosi secondo ai 50 Best Asia e quattordicesimo nel ranking mondiale. Dopo 30 anni di cucina e 7 alla sua guida, Chiang ha deciso tuttavia che il 14 febbraio i suoi fornelli resteranno spenti per sempre.

andre chiang

2 1272094_891566847527757_7102378907820276405_o

L’annuncio è stato dato in una e-mail spedita alla stampa all’alba dell’11 ottobre, cui era allegata una lettera firmata dallo stesso Chiang. Vi annunziava l’intenzione di fare ritorno a Taiwan dopo la chiusura e di restituire le bramate stelle Michelin, chiedendo di non essere incluso nella prossima edizione. “A seguito dell’espansione della guida Michelin in Asia, credo che presto verranno lanciate nuove edizioni a Bangkok e Taiwan (dove è situato il mio secondo ristorante Raw, a Taipei). Poiché auspico che Raw diventi il luogo dove potrò focalizzarmi sull’educazione, lo sviluppo e la cucina dopo il mio ritiro dal ristorante Andre, chiedo inoltre che anch’esso sia escluso dall’edizione di Taiwan (o Taipei)”.

andre chiang cucina

andre chiang menu

Sarebbe infatti giunto il momento di trasmettere testimone e cognizioni alle prossime generazioni di cuochi taiwanesi e cinesi, dando inizio a una nuova vita. “Sono l’unico cuoco cinese citato nei 50 Best e molti cuochi asiatici guardano al mio esempio. Spero di poter dedicare più tempo alla trasmissione delle conoscenze invece di migliorare sempre più il ristorante Andre /…/ Ho sempre cercato questo momento di perfezione irrealistica – le tre stelle, il primo posto ai 50 Best… Finché non mi sono accorto che questo momento è già perfetto così com’è”. La decisione è stata presa sulla cresta dell’onda, all’acme del successo, ha commentato il socio Loh Lik Peng, che ha condiviso la scelta di Chiang.

Autrice: Alessandra Meldolesi

La fotografia di copertina è di Yew Jia Jun

newsletter

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter2Share on LinkedIn2Pin on Pinterest0
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *