Categorie Tendenze italianeTag , ,

Antonio Danise: un napoletano in Lomellina

Come si apre un territorio: Antonio Danise lo sta facendo a Villa Necchi alla Portalupa, resort di Gambolò fra le risaie della Lomellina.

banner the tasty ways

Antonino Cannavacciuolo, Ilario Vinciguerra, Agostino Iacobucci.

Sono l’avanguardia di un movimento che ha portato sulle tavole del nord una contaminazione vincente, di stampo fusion ma tutta italiana e in verticale. Anche Antonio Danise, giovane cuoco napoletano, si è divertito ad applicare la ricetta in Lomellina, sposando un chilometro variabile fra 0 e 900. Quello di una cucina bipolide, come la si potrebbe definire.

Villa Necchi esterno

VISTA VERANDA

Sala azzurra , Ristorante alla carte

La sua formazione si è compiuta interamente al sud: dopo l’alberghiero di Napoli, scelto per la necessità di trovare presto lavoro, la passione si è consolidata per stellati campani, soprattutto ai Quattro passi di Nerano nell’arco di 4 anni.

2

“Ed è stata la mia vera scuola di cucina, dove ho appreso l’importanza della materia prima e del contesto lavorativo. La proprietà fortunatamente ha iniziato a farmi girare e ho compiuto un’esperienza di pasticceria in Svizzera lunga 8 mesi, dopo di che sono tornato a Nerano in veste di capo partita alla pasticceria. Sono seguiti il Marennà di Donato Episcopo, sotto l’egida di Heinz Beck, e il Bikini di Vico Equense. E poi, ahimè, la scelta dell’insegnamento, che mi ha portato al nord dodici anni fa. Senza mai smettere di studiare o compiere piccoli stage”. Finché non gli è stata offerta l’opportunità di gestire la ristorazione di Villa Necchi, edificio ottocentesco gemello della celebre Villa Necchi Campiglio, capolavoro milanese dell’art Déco. Da due anni e mezzo non solo banchettistica, ma anche ristorante alla carta.

3

La scelta è stata quella di valorizzare le piccole eccellenze locali con un lavoro di scouting: quindi latte di giornata, panna e burro di un giovane allevatore di prossimità, carni allevate e macellate a Gambolò e verdure del Paniere Pavese, marchio ombrello che tutela i prodotti agroalimentari della provincia quali cipolla di Breme, peperone giallo di Voghera, fagiolo borlotto di Gambolò, marroni dei dossi di Remondò e asparago rosato di Cilavegna. Da Mortara arrivano il petto stagionato, le uova, il grasso per le cotture e il foie gras d’oca (in triangolazione con la Francia) di Gioacchino Palestro. Poi c’è lui: il riso della Riserva San Massimo, che dista appena 5 chilometri, in diverse varietà e forme.

4 Linguine Pastificio dei Campi , Burro affumicato , limone e polvere di Gamberi
Linguine Pastificio dei Campi, Burro affumicato, limone e polvere di Gamberi

L’altro piede della cucina corre in Campania, raccogliendo pasta di Gragnano, del Pastificio dei Campi o Gentile, garum di Gerardo Di Nola, latticini di bufala di Paestum, friarielli e altro ancora. “Le ricette tradizionali le ho studiate su libri, che ho letto e riletto per familiarizzare con le tradizioni dell’aia. Poi ho agito a modo mio: uso riferimenti e abbinamenti con cui nutro un rapporto intimo per approcciare quanto mi sarebbe distante, come gli ingredienti del posto”.

frittata-0403

Vedi la frittata, comunissima in Campania, cotta in forno con la cipolla di Voghera o di Breme soffritta o fiammeggiata allo zucchero e la spuma di foie gras sulla dolcezza, più un infuso intenso di croste grigliate di Lodigiano per la sapidità e la struttura.

6 ravioli-0428
Ravioli di Riso con ragù di ossobuco di Vitello in salsa di cipolla bianca e latte di Kefir

6-1 risotto-0414

Fra i primi il Carnaroli integrale con asparago violetto di Cilavegna e gamberi di fiume, oppure polvere di friarielli e petto d’oca, sulla falsariga della salsiccia.

guancia-0433

La guancia di manzo è brasata a bassa temperatura nella Bonarda e servita con mela annurca; lo storione è preparato all’acquapazza con gli spaghetti di mare, secondo il crossing consueto.

pastiera-0418

Ed è eccellente la pastiera gluten free preparata con il Carnaroli al posto del grano e la farina di riso nella pasta frolla, per una consistenza liscia e fondente quasi da cavallucci, più neve di limoni di Sorrento, crema inglese e gelato allo Strega.

Autrice: Alessandra Meldolesi

 

Ristorante Villa Necchi

Via Cavalier Vittorio Necchi n 2-4, Fraz. Molino d’Isella – 27025 Gambolò (PV)

Tel. +39 0381 092601

Mail [email protected]

Il sito web 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *