Categorie Cheap & CoolTag , , , , ,

Il Salotto di Babingtons, un sorso di storia nel cuore di Roma

Dal Full English Breakfast all’high tea del pomeriggio, passando da hamburger e canarino, da 124 anni la sala da tè porta un tocco di stile anglosassone nel cuore di Roma. Qui tutto ha una storia: in tazza, nel piatto e in sala.

Sapori e dintorni - Conad

A Roma la Storia

è quotidianamente sotto gli occhi a ogni angolo di strada, ma sono tantissimi anche i luoghi più nascosti – pubblici o privati – che hanno avuto un ruolo importante nella storia della Capitale. Prendete Babingtons, la sala da tè a Piazza di Spagna, proprio accanto alla famosa scalinata.

1

Fondata nel 1893 – inizialmente in via dei Due Macelli, poi trasferita nel locale attuale – da due giovani signorine inglesi, Anna Maria Babington e Isabel Cargill, è ancora oggi gestita dai discendenti di quest’ultima mentre la Babington non si sposò mai e non lasciò eredi; l’insegna però porta pragmaticamente il suo nome, più facile da pronunciare per gli Italiani.

2

2-1

3-1 Rory Bruce e Chiara Bedini - proprietari Babingtons

Divenuta presto un punto di riferimento per gli stranieri in città, nelle sue sale sono passati intellettuali e giovani di buona famiglia in Italia per il Grand Tour, attori di Hollywood e di Cinecittà, gerarchi fascisti e partigiani – “I primi stavano in una sala davanti, i secondi sul retro così non s’incontravano” racconta Rory Bruce, pronipote della Cargill che oggi gestisce il locale con la cugina Chiara Bedini –, nomi illustri del Made in Italy dai Marzotto agli Agnelli. Oggi ci vengono anche coppie di fidanzati in vena di romanticherie, turisti attratti dal fascino dell’ambiente e dal menu a loro familiare, residenti in cerca di un luogo rilassante.

3

Tutti seduti ai tavoli elegantemente apparecchiati nelle sale ricche di atmosfera, un mix di riservatezza British e calore italiano, a sorseggiare tè da miscele selezionate accompagnati da sapori decisamente anglosassoni. Dalle eggs Benedictine o con bacon, pomodori e funghi della colazione ai deliziosi dolcetti e sandwich; dalle ricche torte ai piatti veri e propri serviti in qualsiasi orario come l’hamburger, introdotto qui come novità assoluta su richiesta della clientela americana della MGM, la casa di produzione cinematografica per cui lavorava il bisnonno di Chiara e Rory, o il mitico Canarino (uova bio in camicia su riso pilaf ricoperto con crema di formaggio), anche in versione “rinforzata” con l’hamburger nel Negrino adorato da Marta Marzotto. Le materie prime sono selezionate con cura, tra Regno Unito e Italia: uova, olio extravergine e carne di Chianina sono naturalmente “local” mentre ad esempio il bacon arriva dall’Irlanda perché in Italia è impossibile trovare quello vero.

4 te con charlotte

Le ricette sono tratte da ricettari di famiglia o da un celebre libro del 1861, Mrs Beeton’s Book of Household Management, sorta di manuale di gestione famigliare di epoca vittoriana che ha educato generazioni di donne inglesi a essere perfette padrone di casa. Da lì vengono ad esempio la sontuosa Charlotte Russe, a base di banane frullata e altra frutta insieme a panna e biscotti savoiardi, o l’impegnativo ma buonissimo Christmas Cake servito nel periodo natalizio. Poi ci sono i deliziosi scones – con uvetta o senza – da accompagnare con marmellata e panna (non la tradizionale clotted cream introvabile in Italia, ma di ottima qualità), i Brandy snaps (croccanti cannoli al Brandy farciti con panna) e gli English Muffin – paninetti cotti sulla ghisa, croccanti fuori e morbidi dentro – da farcire in versione dolce o salata.

5 Chiara Bedini

Alla selezione di tè, tisane e caffè ci pensa Chiara, con un’attenzione particolare per il primo naturalmente. Ci sono singole origini e miscele della casa come il Babingtons Special Blend (Ceylon, Darjeeling e China) creato negli anni ’50 dal padre di Chiara, Valerio. Ma pure i tè speziati per Natale e le originali miscele della linea “I 7 tè di Roma”, ideati per celebrare la Città Eterna e i suoi simboli.

6 tazza vittoriana babingtons

E se i tè vengono selezionati e messi a punto da Chiara, la brava musicista sua omonima che suona l’arpa durante i Tè Vittoriani del lunedì pomeriggio – quando tutto il locale compie un balzo indietro nel tempo all’epoca della Regina Vittoria, dal menu ai raffinati servizi di porcellana – ha composto 5 motivi dedicati ad altrettanti tè della casa. Babingtons ha anche un bel programma di appuntamenti dedicati principalmente all’affascinante mondo del tè che proseguirà per tutto il 2017.

Autrice: Luciana Squadrilli

 

Babingtons Tea Rooms

Piazza di Spagna 23 – 00187 Roma

Tel. +39 06 6780846

Mail: [email protected]

http://www.babingtons.com/

Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 21:15

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *