Categorie Ricette degli chefTag , , ,

Luigi Taglienti | Ossobuco alla Taglienti

Luigi Taglienti | Ossobuco alla Taglienti

Sapori e dintorni - Conad

Luigi Taglienti | Ossobuco alla Taglienti

Ingredienti per 4 persone

Per la carne cruda

200 g di polpa di controfiletto di vitello rifilata e porzionata in tranci da 50 g il pezzo

30 ml di succo di vitello (ricetta classica).

Procedimento

Adagiare ogni trancio di carne all’interno di un disco coppa pasta del diametro di 10 cm, con l’ausilio di un batticarne ricavare delle piccate regolari dello spessore di ½ cm e abbattere.

Ritagliare il centro di ogni piccata formando una fessura circolare regolare del diametro di 3 cm.

 

Per la parte croccante

100 g burro fresco in pomata

100 g zucchero semolato

100 g albume

100 g farina setacciata

Procedimento

All’interno di una terrina capiente, unire gli elementi in sequenza sino ad ottenere un composto liscio e omogeneo e lasciar riposare in frigorifero per almeno 4 ore a +4°.

Stendere l’impasto a forma rettangolare e cuocere in forno per 4 minuti a 160°, dopodichè avvolgere la tegola intorno ad un coppa pasta rotondo di 3 centimetri di diametro e lasciar raffreddare.

La tegola dovrà acquisire la forma di un osso a midollo.

 

Per la crema di riso allo zafferano

50 g riso Carnaroli del pavese

50 g latte fresco

2 g pistilli zafferano

Sale

Pepe bianco di Penja

Procedimento

In una casseruola media unire gli elementi e cuocere dolcemente per almeno 20 minuti, frullare il tutto e setacciare per due volte a maglia fine sino ad ottenere una crema liscia.

 

Per la lacrima di midollo

100 g di midollo di stinco di vitello privato da tutte le parti sanguinolente contenenti all’interno della fibra.

Procedimento

Dividere il midollo dall’osso e frullare sino ad ottenere una crema montata di un bel colore avorio.

 

Composizione del piatto

Dopo aver ben glassato la piccata di vitello con il succo del vitello adagiare alla base del piatto, sistemarvi al centro la tegola a forma di osso e farcire il cuore con crema di riso allo zafferano e lacrima di midollo.

Terminare con tre filettini sottili di alice fresca del Mar Ligure, foglie di timo e una brunoise di limone e arancia candite.

luigi taglienti copertina 970

Reporter Gourmet – La redazione

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest1
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *