Categorie EventiTag , , , , , , , ,

Saperi e Sapori 2.0. Un felice ritorno dopo 18 anni

Parlare di Saperi e Sapori è un po’ come riaprire un vecchio baule pieno di ricordi, con immagini di un’epoca lontana nel tempo e che rivive solo grazie al racconto di sempre meno testimoni.

Sapori e dintorni - Conad

Siamo negli anni 90,

in Romagna e precisamente ad Argenta, un paesino passato alla ribalta per uno dei ristoranti più mirabolanti della storia, capace di riunire in una sola cucina chef come Igles Corelli, Bruno Barbieri, Pierluigi Di Diego, Italo Bassi, Marcello Leoni e Mauro Gualandi, guidati dal genio e sregolatezza di Giacinto Rossetti. Il Trigabolo è stato per un decennio (1983-1993) la fucina di sperimentazioni, di entusiasmante recupero di un territorio fecondo e della grande epopea culinaria estense, che gli valse ben due stelle Michelin.

1

Ma quelli erano anche anni in cui non c’era internet e la circolazione delle idee, il dialogo tra le varie realtà italiane era lento e discontinuo. Fu da questa necessità di comunicare e di conoscere ciò che accadeva nelle cucine nazionali e internazionali che nel 1989 nacque il Festival Saperi e Sapori, una kermesse di incontri e scambio, il primo evento gastronomico italiano in cui i cuochi lavoravano insieme in amicizia, scambiandosi reciproche conoscenze ed esperienze e offrire al pubblico vari momenti di cultura gastronomica. Una manifestazione in cui parteciparono anche Massimo Bottura e Ferran Adrià, all’epoca giovanissimi e pressoché sconosciuti al grande pubblico, cui si affiancavano anche eventi culturali come mostre d’arte e concerti. È qui che viene sancita la dignità culturale della cucina, un valore di cultura e identità del far da mangiare, al pari della storia dell’arte, della letteratura e della musica.

2 _MG_7580 stefano baiocco
Piatto di Stefano Baiocco

L’entusiasmo e la risposta del pubblico furono tali che nel 1998 l’amministrazione comunale di Ferrara coinvolse Igles nell’organizzazione di un evento colossale pantagruelico: A tavola col Principe, una 100 giorni di cultura, eventi e cucina, all’interno del Castello Estense, con una carrellata di cuochi e piatti che ricordano i famosi banchetti reali di Cristoforo da Messisbugo.

3 _MG_7586 Fabrizia Meroi
Piatto di Fabrizia Meroi

Ovvio che i fasti di un passato tanto glorioso dovessero prima o poi riaffiorare dal baule di Igles Corelli.

4 _MG_7588francesco Sposito
Piatto di Francesco Sposito

Dopo 18 anni lo chef ha pensato fosse arrivato il momento giusto per rispolverare quei ricordi: “Ho chiamato un po’ di amici e di ragazzi che hanno lavorato con me e tutti hanno subito aderito con entusiasmo”. Grazie al sostegno di alcuni importanti sponsor, il resto è stato un gioco da ragazzi.

5 _MG_7596 Alessandro Gavagna
Piatto di Alessandro Gavagna

La sontuosa villa Rospigliosi, che ospita oggi il ristorante Atman, è stata la cornice ideale in cui per tre giorni quindici cuochi si sono affiancati e alternati ai fornelli, con il sottofondo musicale di ensemble di classica e l’esposizione delle opere di Giorgio Milani, per un’esperienza sensoriale completa ed estatica, fedele alla manifestazione originaria.

6 _MG_7604 Loretta Fanella
Piatto di Loretta Fanella

Il tema dell’evento, il Selvatico (non solo cacciagione, ma anche erbe e radici), è stato declinato da Mauro Uliassi, Peter Brunel, Roy Salomon Caceres, Philippe Leveillé, Aurora Mazzucchelli, Stefano Baiocco, Fabrizia Meroi, Francesco Sposito, Alessandro Gavagna, Loretta Fanella, Fulvio Pierangelini, Salvatore Tassa, Gianfranco Vissani e Mauro Gualandi, con pane preparato da Franco Franciosi. L’abbinamento vini è stato curato da Samuele Del Carlo, sommelier del ristorante Atman.

7 IMG_2475

Per chi se lo fosse perso, nessun problema, Igles è già al lavoro per l’edizione 2017.

Autrice: Sara Favilla

Tutte le fotografie sono di Lido Vannucchi

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0
Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *